Le idee chiare di una miss Padania…

«Sono felice. Sono contentissima». Come tutte le reginette. Jessica Brugali di Albino, Bergamo, è la tredicesima miss Padania. Ma a differenza di tante altre ha idee chiare e nessuna ipocrisia. Alla faccia dei suoi diciott’anni e di una celebrità che ora comincerà a inseguirla.
Cara Jessica, com’è andata?
«Una faticaccia. Una settimana intera di prove su prove. Ma è stata una grande soddisfazione».
Certo, hai vinto.
«Non solo per quello. Ho imparato tantissime cose. Credo di essere cresciuta».
Cresciuta in cosa?
«Nel carattere».
Dall’anno prossimo potranno partecipare anche ragazze del Sud ed extracomunitarie.
«Secondo me non è giusto.
Non è giusto?
«Se è miss Padania, non è giusto che partecipino i “terroni”».
Ci saranno anche le extracomunitarie.
«Non è proprio giusto».
Serviranno dieci anni di residenza e cittadinanza.
«Sbagliato lo stesso. L’aspetto fisico conta. Una con i capelli, gli occhi neri e i caratteri mediterranei non c’entra proprio nulla con la Padania».
Quindi tu non parteciperesti a miss Italia.
«Ho partecipato due volte alle selezioni, ma non mi è piaciuto proprio. E me ne sono andata io».
Secessione estetica?
«Guardano solo la bellezza. Non va bene».
A miss Padania non sarete mica tutte cervelloni.
«Certo che ci vuole le bellezza, ma anche il talento. È un concorso che fa crescere. Psicologicamente».
Tu studi?
«Quarto anno del liceo linguistico».
Ora serate, interviste e servizi fotografici?
«Voglio prima finire il liceo».
E poi?
«A settembre mi piacerebbe iscrivermi a una corso di recitazione. Ma continuerò sempre a studiare».
Perché sei miss Padania?
«Perché sono bionda, chiara. Ho i caratteri del Nord. Non ho i tratti mediterranei».
Non parlavo del fisico.
«Sono solare e ho tanta voglia di fare. Di raggiungere i miei obiettivi».
Dici che al Sud non hanno voglia di fare?
«Magari sì. Sono più svogliati, noi del Nord siamo meno lazzaroni».
Quelle del Sud devono andare a miss Italia?
«Per miss Padania bisogna avere le radici nel Nord. Niente padre terrone e magari la mamma settentrionale».
Umberto Bossi non è venuto. Delusa?
«Un po’. Aveva sempre premiato lui. Mi hanno detto che era impegnato con la politica. Fa nulla».
Ti piace la politica?
«Sono una ragazza di 18 anni».
Se ti chiedessero di candidarti?
«È troppo presto».
Bossi è un buon politico?
«Lui e la sua squadra fanno il bene del Nord. Giusto».
Ma l’Italia è un po’ più grande del Nord.
«Io sono del Nord ed è chiaro che faccio il tifo per il Nord. Questa è la mia terra, non me lo dimentico».
Bossi e Berlusconi non sono andati bene alle ultime elezioni.
«Gli italiani hanno frainteso. Non hanno capito bene la campagna elettorale».
Ora cosa devono fare Bossi e Berlusconi?
«Non devono perdere la fiducia. Devono essere determinati e andare avanti».
A far cosa?
«Il bene del Nord».
Conosci Renzo Bossi?
«Sì, so chi è».
È giusto che faccia politica?
«È giusto che i giovani entrino nella politica».
Domenica si vota per i referendum. C’è quello sul nucleare.
«Io sono contraria al nucleare».
E l’acqua?
«Quello è un po’ troppo complicato. Non mi è molto chiaro».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...