Rom, Amnesty: “Monti deve rimediare ai danni subiti negli sgomberi”

“Mario Monti deve favorire un’inversione di rotta, rimediare ai danni subiti dai rom negli sgomberi”: è la richiesta di Amnesty International al nuovo governo dopo che il Consiglio di Stato, il 16 novembre scorso, ha dichiarato illegittima “l’emergenza nomadi” varata nel 2008 dal ministro dell’Interno Roberto Maroni. L’Organizzazione per i diritti umani ha presentato a Milano il rapporto “Tolleranza zero” che denuncia le violazioni dei diritti umani subite da rom e sinti. E annuncia l’intenzione di chiedere alla Commissione europea l’avvio della procedura sanzionatoria verso l’Italia per la violazione delle norme internazionali.

Amnesty International è sempre stata convinta che il Piano Maroni fosse illegale perché “discriminatorio in base al diritto internazionale”. “Dichiarare uno stato d’emergenza su basi infondate nei confronti di una minoranza etnica e mantenerlo in vigore per tre anni e mezzo è stato uno scandalo” afferma Valentina Vitali, ricercatrice sull’Italia del Segretariato internazionale di Amnesty.
L’emergenza nomadi ha danneggiato i rom. Secondo Amnesty International il Piano Maroni “ha consentito alle autorità di avviare un’ondata di sgomberi forzati dai campi non autorizzati di Milano che ha lasciato senza alloggio centinaia di famiglie rom”, sottolinea Valentina Vitali. Sgomberi illegali anche perché eseguiti senza che venissero offerte alternative abitative adeguate.

Illegali sono stati anche gli allontanamenti di alcuni rom dai campi regolari. “I regolamenti del campo prevedevano l’espulsione dell’intero nucleo familiare in caso di commissione di un reato da parte di uno dei suoi membri -sottolinea Valentina Vitali-. Mai una legge sugli alloggi popolari ha previsto provvedimenti di questo genere”.

“STOP AGLI SGOMBERI, NO A CHIUSURA DEI CAMPI REGOLARI” – Stop agli sgomberi dei rom e sospensione del piano di chiusura dei campi regolari. È quanto chiede Amnesty international al sindaco Pisapia. L’organizzazione per i diritti umani ha presentato a Milano il Rapporto “Tolleranza zero”. “Gli sgomberi sono meno frequenti ma eseguiti sempre con procedure contrarie ai diritti umani” afferma Valentina Vitali, ricercatrice sull’Italia per Amnesty International. Nel caso uno sgombero sia inevitabile “il comune deve garantire che siano messi a disposizione ripari d’emergenza senza separare i nuclei familiari” aggiunge. In vista dell’Expo è stato chiuso il campo di via Triboniano perché sorgeva su terreni su cui verrà costruita una delle arterie che porteranno ai padiglioni espositivi. “Le autorità devono sospendere la chiusura dei campi di via Novara e via Bonfadini e avviare una consultazione autentica dei rom che ci vivono e fornire alternative abitative adeguate” sostiene Valentina Vitali. Nel caso del campo di via Triboniano “alle famiglie è stato offerto un alloggio popolare fuori graduatoria per 12 mesi. Si tratta di una soluzione provvisoria. E poi?”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...