La Lega dorotea e il federalismo “patriottico” di Tosi

image

di GILBERTO ONETO

Maroni aveva promesso che avrebbe cambiato tutto, fatto pulizia, cacciato i vecchi marpioni e ripreso la strada dell’indipendenza. In molti ci avevano creduto magari mandando giù il boccone di un asettico e romanocentrico “Nord” al posto dei nomi più veri e antichi della nostra terra.Poi, un po’ alla volta, si è convertito al più robusto doroteismo: non si fa nulla, non si decide nulla, si rimanda, si rinvia, si fa della buona amministrazione, forse, chissà, se gli alleati lo permettono, se il buon tempo tiene, se, se, se…..Ogni tanto si sente parlare della Lega per qualche sparata contro madama Kyenge e della giunta lombarda per questioni di incarichi: niente di bello né di entusiasmante. I barbari sognanti si sono svegliati in una realtà che odora di vecchia socialdemocrazia e ha l’appeal del fondo melmoso di uno stagno. Qualche nota di tromba ogni tanto la caccia Bossi, così come viene, giusto per fare casino: l’insieme somiglia sempre di più a una gag di Crozza. Manà, manà.Chi si distingue è il sindaco di Verona e segretario della Liga Veneta.  Le sue ultime trovate sono una autocandidatura alle primarie del Pdl (Forza Italia, Casa, Popolo, Polo, Domiciliari delle libertà…  abbiamo perso il conto) e una patriottica stornellata con Giorgia Meloni, vivace capetto di Fratelli d’Italia. Hanno ipotizzato  di fare un po’ di strada assieme ed hanno anche coniato una nuova formula: il “federalismo patriottico”.  Mancava alla collezione di tavanate accumulata in questi anni: neppure il pirotecnico Calderoli era mai arrivato a una acrobazia lessicale così audace, a un ossimoro così fulminante. Questi sono figli di Marinetti e il paroliberismo è nel loro dna.Nel generale marasma  della politica italiana in pochi hanno l’aria soddisfatta e il Tosi è sicuramente uno di questi: non che abbia un sorriso smagliante (in Insubria  si dice «Nas che pissa in buca, guai a chi ghe tuca») ma ha sicuramente tutte le sue buone ragioni per esultare. Sta bastonando e cacciando tutti i leghisti che gli sono poco simpatici e – soprattutto – sta ritornando a casa e, come il figliol prodigo, già pregusta le prelibatezze dello spiedo rosolato in suo onore. È un po’ come certi personaggi inglesi o americani della fiction spionistica (ma anche della realtà) che erano stati reclutati da giovani dal Kgb e avevano percorso tutta la loro carriera da talpe nei ministeri o nelle forze armate dei loro paesi facendo evidenti danni: scoperti se ne sono fuggiti in Unione Sovietica  dove sono stati accolti con gli onori tributati agli eroi.Tosi, riscaldato anche nei momenti più difficili dalla fiamma patriottica (ovviamente tricolore) si è intalpato nella Lega e con caparbietà e anche con indubbie capacità è riuscito a scalare l’intera piramide gerarchica fino allo scranno di vice-segretario federale. Chapeau! Anzi: fez! Non è facile sopravvivere e prosperare in una struttura come il Carroccio se non si hanno forti motivazioni e una infinita capacità di sopportazione: in generale sopravvivono solo prosseneti e incapaci. Non si ha motivo di credere che Tosi sia così, perciò la sua abilità è ancora maggiore e resta solo il rimpianto non sia stato davvero dei nostri.Oggi però il giochino non può più funzionare. Maroni non ha più davanti a sé la scelta fra una sconfitta e una radiosa vittoria, ma solo – salvo robusti interventi dello Spirito Santo – fra una rotta ignominiosa e una consunzione dignitosa. Per salvare le apparenze, preservare la dignità e lasciare spazio a chi volesse riprendere il cammino con più entusiasmo e credibilità deve dare un forte– ancorché tardivo – segnale di coerenza e disfarsi dei più pericolosi focolai di malattia, delle pesti più dannose. Qui non bastano più le scope, forse neppure il vecchio e caro flit: ci vogliono interventi chirurgici spietati. O così o manà!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...