Le origini di Milano

image

Tratto da: http://www.labissa.com

di Stefano Todisco*
La metropoli capoluogo della Lombardia ha una storia molto antica: Mediolanum era il suo nome latino ma, prima ancora dell’arrivo dei romani nel 222 circa a.C., la fondazione della città (stando all’opera “Ab Urbe Condita” dello storico Tito Livio) fu opera dei celti del re Belloveso (inizio VI secolo a.C.). Le prime tribù di migranti erano sei: gli Arverni, i Senoni, gli Edui, gli Ambarri, i Carnuti e gli Aulerci. Insieme sconfissero gli Etruschi sul Ticino e si sparsero per il nord Italia. Gli abitanti della zona milanese assunsero il nome dell’etnia preesistente, quella degli Insubri.

Secondo il mito liviano sarebbe stata una coincidenza profetica a indicare il luogo propizio: una scrofa semi-lanuta (aggettivo che per alcuni celerebbe un’assonanza con Medio-lanum) comparve davanti al sovrano ramingo che sullo scudo aveva dipinto lo stesso animale e laddove questa si fermò Belloveso stabilì la sua capitale. In realtà l’archeologia induce a postdatare questa “diaspora celtica” a cavallo tra V e IV secolo a.C., epoca in cui alcuni centri etruschi della pianura Padana vennero assorbiti nell’orbita della civiltà gallica. Il nome di Milano deriva da Mediolanum che a sua vola deriverebbe ipoteticamente da Midlann “in mezzo alle terre” o “pianura di mezzo” inteso come luogo tra i due fiumi, Olona e Seveso. Secondo altre versioni il toponimo indicherebbe il “santuario principale” ovvero un complesso sacro di primaria importanza e autorità presso le genti celtiche della zona. Polibio nelle “Storie” scrisse una notizia circa una processione alla dea Atena che gli Insubri avrebbero allestito per scongiurare la sconfitta che avvenne però poco dopo contro i romani (222 a.C.). Il santuario della dea si sarebbe potuto trovare nei pressi dell’attuale Duomo, punto che si trovava a 121 metri s.l.m. e ideale per ospitare l’acropoli. Qui si trovano ancora oggi luoghi di culto dedicati a figure femminili di sante come Maria Vergine e Tecla. I rinvenimenti archeologici hanno dimostrato che il primo insediamento fu abitato da genti della cultura di Golasecca ma nulla rimane del centro insubre di IV-III secolo a.C. a causa degli sbancamenti dovuti alla risistemazione della città romana tra II e I secolo a.C. Alcuni reperti fra cui ceramica e monete sono protagonisti della ricchezza del sito preromano le cui vicende seguiranno sempre più quelle della politica di Roma a partire dall’89 a.C., anno in cui divenne colonia latina.

*originariamente pubblicato su http://www.milanofree.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...